Sotto la foresta di ciliegi in fiore e altri romanzi

“Nessuno è riuscito a sciogliere il mistero degli alberi fioriti. Forse, chissà, si chiama ‘solitudine’ e l’uomo ormai non aveva più motivo di te merla. Lui stesso era solitudine”
Oggi ho abbinato questo capolavoro della letteratura giapponese con il tè.
La scrittura è limpida, sincera.
Il suo contenuto malinconico come il tramonto che accompagna questa bevanda, nelle stagioni fredde.
È evocativa e poetica, scalda l’animo più insensibile alla poesia, pur non essendo poesia.

Sakaguchi Ango è uno dei miei scrittori preferiti. Assaporando il profumo del tè (che in quegli anni potevo bere, ora lo preparo per gli altri) ritornano alla mente le parole di questo grande scrittore, inevitabile coincidenza.

#𝙖𝙡𝙜𝙪𝙨𝙩𝙤𝙙𝙞𝙡𝙞𝙗𝙧𝙞

“Nobody has been able to solve the mystery of the flowering trees. Perhaps, who knows, it is called ‘loneliness’ and by now the man no longer had any reason to fear it.

Today I have combined this masterpiece of Japanese literature with tea.
The writing is clear, sincere.
Its content is as melancholy as the sunset that accompanies this drink, in the cold seasons.
It is evocative and poetic, it warms the soul most insensitive to poetry, even though it is not poetry.

Sakaguchi Ango is one of my favorite oriental writers. Savoring the scent of tea (which I could drink in those years, now I prepare it for others) the words of this great writer come to mind, an inevitable coincidence.
Guarda il post Instagram: https://www.instagram.com/p/CMOuGPZAYpB/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *